Archive for the ‘Atomaa’ Category

ATOMAA si presenta a Platform Best Italian Future Living Design Selection

Posted by

Il 29 novembre 2022, nella magnifica cornice del Belvedere Jannacci, situato al 31° piano del Grattacielo Pirelli di Milano, si è svolto l'evento Best Italian Future Living Design Selection, organizzato da PLATFORM architettura e design in collaborazione con SIEMENS Home Elettrodomestici.

50 studi italiani di architettura e interior design sono stati selezionati per fornire la loro personale visione del design contemporaneo di nuovi spazi abitativi ibridi. Durante l'evento, tutti i designer invitati si sono alternati sul palco, raccontando la loro visione in un breve intervento.

"L'architettura d'interni in Italia è stata nell'ultimo secolo uno degli ambiti di sperimentazione e ricerca più liberi e felici della nostra cultura progettuale che non ha eguali nel resto del mondo occidentale per unicità e ricchezza."

"Sono anni che dico che si potrebbe scrivere una storia parallela, quasi privata, dell'architettura italiana solo utilizzando i suoi progetti di interni, e sarebbe un racconto emozionante capace di raccontare generazioni di giovani progettisti, ottimi artigiani, aziende dedicate e committenti coraggiosi . Sarebbe un vero spaccato della storia del nostro paese attraverso i suoi interni domestici!"

- Luca Molinari

Quello che raccontano le pagine di questo volume è un ulteriore passaggio evolutivo, perché resta il senso di libertà e la voglia di sperimentare, ma cambiano la forma della casa e le abitudini dei suoi abitanti. Le case stanno perdendo gli spartiti funzionali e rigidi del secolo appena trascorso, mentre l'esigenza di flessibilità e fluidità nel modo di abitare e vivere gli spazi domestici sta portando i progettisti a lavorare su forme dell'abitare in cui la mobilità, la presenza invisibile degli elettrodomestici , intelligenza tecnologica e sostenibilità diffusa danno forma ad ambienti più complessi ed elementari allo stesso tempo.

Lo stretto rapporto tra forma e funzione è decisamente trasformativo e porta ad una semplificazione dei luoghi domestici che permette a tutti di vivere la casa in modo più personale e consapevole. I progetti italiani che scorrono davanti ai nostri occhi hanno definitivamente eliminato la separazione tra cucina e living, produzione e vita sociale, privacy e lavoro, perché le nostre vite, soprattutto dopo questa lunga pandemia, hanno stressato così radicalmente le case tradizionali che già nascevano spazi di nuova generazione emergere nel lavoro di alcuni degli architetti e sviluppatori più visionari. A ciò si aggiunge l'urgenza di supporti e luoghi che abbiano un chiaro carattere sostenibile ed ecologico e siano in grado di incidere sul modo di gestire in modo responsabile energia e consumi.

Siamo ai primi passi di un'importante metamorfosi dell'abitare e sono certo che l'architettura italiana saprà offrire prospettive e progetti importanti, capaci di aiutare una transizione ambientale e culturale di cui tutti abbiamo urgente bisogno.

Crediti & contenuti in più
Video: Salt&Lemon
L’organizzatore dell’evento: PLATFORM Architecture and Design
Pubblicazione dell’evento: Link
Acquistare la pubblicazione: Link
Sponsor dell’evento: SIEMENS Home Italia

Una Casa per Lettori in Best Italian Future Living Design Selection

Posted by

Quello che le pagine di questo volume raccontano un ulteriore passaggio evolutivo, perché permane il senso di libertà e la voglia di sperimentare, ma stanno cambiando la forma della casa e le abitudini dei loro abitanti.

Le case stanno perdendo le partiture funzionali e rigide del secolo appena passato, mentre il bisogno di flessibilità e fluidità nel modo di abitare e vivere gli spazi domestici sta portando i progettisti a lavorare su forme dell'abitare in cui mobilità, presenza invisibile degli elettrodomestici, intelligenza tecnologica e sostenibilità diffusa diano forma ad ambienti più complessi ed elementari insieme.

Siamo ai primi passi di una metamorfosi dell'abitare importante e sono certo che l'architettura italiana avrà modo di offrire prospettive e progetti importanti, capaci di aiutare una tradizione ambientale e culturale di cui tutti noi abbiamo un urgente bisogno.

Per contenuto in più:
Visualizza il progetto: Link
Visualizza la pubblicazione: Link

 

Testo: Luca Molinari

Casa Cinsc in À Vivre Magazine

Posted by

"L'INCREDIBILE SOBRIETA' DI UNA CASA DI PIETRA"

Una strada molto ripida attraversa la montagna per raggiungere un gruppetto di case arroccate su un crinale. Siamo in una delle rare regioni risparmiate dal turismo di massa degli anni '50. Pascoli e campi coltivati ​​hanno lasciato il posto a fitti boschi. Lì, una vecchia stalla divenuta un rudere, in delicato equilibrio, riservava delle sorprese a chi l'avrebbe trasformata. Infatti, Andrea Del Pedro Pera, Cesare Galligani e Umberto Maj, fondatori dello studio di architettura milanese ATOMAA, non potevano sospettare la presenza di una grande volta in pietra e di un camino al piano terra, resti di una passata residenza.

Questo valico si reagisce grazie al recupero della vecchia forma e al consolidamento delle murature, ma soprattutto con lo sviluppo di nuovi luoghi di convivenza - la cucina e la sala da pranzo - al centro del volume esistente. Per servire al meglio tutti gli ambienti della casa distribuiti sui tre livelli, gli architetti hanno realizzato un nucleo centrale in multistrato di betulla lamellare che ospita la scala.

Ansiosi di integrare il progetto nel suo ambiente, i progettisti optano per un esterno di pietra "dove le trame dei muri tra vecchio e nuovo si intrecciano in un unico punto, ricostruito a mano, pietra su pietra". L'interno è più di un legno scatola inserita nell'involucro in pietra: pavimenti, pareti e soffitti sono composti da elementi provenienti da vecchie assi del pavimento e travi del tetto deteriorate, o larice della valle, quando necessario.Il risultato, quindi, è quello più sobrio, rigoroso e minimale.

A quasi 1.400 metri sul livello del mare, a nord-ovest delle Alpi italiane, un rudere tipico della regione ospitava in passato bestiame e fieno. Gli architetti milanesi di ATOMAA l'hanno trasformata in un'elegante casa contemporanea di grande sobrietà. E per farlo usano ogni pietra e pezzo di legno trovato in loco.

ATOMAA trasforma una stalla in rovina in una casa contemporanea senza tradire il proprio passato grazie al rispetto dei volumi e dei materiali. L'esterno conserva il suo corpo in pietra che si fonde con il paesaggio, mentre l'interno offre un nuovo bozzolo di legno intimo e caldo.

Il riuso è un elemento chiave del progetto: i muri sono stati realizzati con le pietre delle vecchie parti in disuso, gli architravi delle porte e delle finestre con il legno del vecchio tetto; i muri di contenimento dei terrazzi così come il volume dell'ampliamento eretto da porzioni di roccia scavata.

Per scoprire più contenuto:
Visualizza il progetto: Link
Visualizza la pubblicazione: Link

ATOMAA invitato a presentare al Platform Architecture Festival a Venezia

Posted by

Durante i mesi estivi del 2021 a Venezia, Platform architettura e design ha organizzato un'importante iniziativa che ha visto l'allestimento in contemporanea di due mostre tematiche, coinvolgendo 140 studi di architettura provenienti da tutto il mondo.

"Best Italian Interior Design" propone una rassegna complessiva di interior design di architetti italiani, senza limiti geografici o di tipologia (residenziale, hospitality, retail, ecc.); mentre "Best International Houses" offre una panoramica sui luoghi del mondo da vivere attraverso la selezione di 70 progetti scelti da un comitato scientifico sulla base delle candidature provenienti da tutti e cinque i continenti.

Il prestigioso luogo dell'evento è la Scuola Grande di Santa Maria della Misericordia a Venezia. Completamente restaurata nel 2015, oggi la Misericordia è uno spazio monumentale dove arte, storia e cultura dialogano con il territorio, ed è sede istituzionale di prestigiose mostre, installazioni ed eventi culturali.

Per ognuna delle due mostre è stato pubblicato un volume dedicato che raccoglie i progetti selezionati, insieme ad un Catalogo Generale di Casa Platform Venezia, riguardante le aziende partner della manifestazione e le iniziative culturali in programma.

Per scoprire più contenuto su questo progetto:
Visualiza il progetto: link
Visualiza la publicazione: link
Visualiza la presentazione: link
Fotografo: Marco Cappelletti

ATOMAA nella pubblicazione “EMERGING EUROPEAN PRACTICES” di New Generations

Posted by

Ce lo insegna Alvaro Siza:

"Gli architetti non inventano nulla, trasformano la realtà"

I primi passi
Abbiamo iniziato all'università con una gita a Brno, che ha portato a innumerevoli birre e discorsi su cosa vorremmo essere da grandi. Poi da uno spazio seminterrato con tavoli da ping pong e Casabella, dopo lunghe notti di collaborazione e brainstorming, lavoravamo instancabilmente alla nostra tesi di laurea. Ad un certo punto è arrivata la diaspora: i 'Foz do Douro; l'antico teatro di Epidauro il Deserto di Atacama; nel tempo rimasto abbiamo fatto anche qualche concorso. Seguono diversi tirocini: presso Chipperfield Architects, Onsitestudio, e periodi di ricerca, presso il Politecnico di Milano. Dopo tutto ciò, in una notte, mantenendo una tradizione di 15 anni di bere una birra insieme, è nata la decisione di provare a fare tutto insieme; e così iniziò ATOMAA.

Onorare l'inaspettato
In uno dei nostri progetti di ristrutturazione di un vecchio appartamento, rimuovendo il pavimento in legno, si è rivelata una configurazione aspra ma bellissima: sotto, dopo decenni di occultamento alla vista, si è rivelata una pianta irregolare completa in sé, dimenticata anche da chi lo aveva prodotto molto tempo prima. L'immagine dell'originaria sottostruttura pavimentale posata in modo apparentemente casuale ma efficace evidenzia il lavoro di un artigiano locale in cui la mano dell'uomo sembrava essere l'unica regola. Abbiamo quindi deciso di onorare quel gesto dimenticato riportandolo in vita e rappresentandolo nel nuovo pavimento in cemento. L'idea è stata subito apprezzata dal cliente e ci è stato permesso di creare un pavimento davvero unico.

Mantenere la calma e un sano equilibrio
Cerchiamo di mantenere un equilibrio tra il nostro lavoro e la vita privata. Cerchiamo di tenere chiuso lo studio nei fine settimana e incoraggiamo anche i nostri colleghi e collaboratori a seguire un buon equilibrio orario. Crediamo che le cose che impariamo semplicemente vivendo siano utili per il design tanto quanto il tempo trascorso in studio. Non sarai mai in grado di progettare una buona cucina se non sai cucinare un buon piatto. Anche se l'organizzazione del tempo nei processi progettuali contemporanei è spesso frenetica, pratichiamo la 'Resistenza': ci prendiamo il tempo per discutere i progetti in corso in modo lento e calmo e poi prendiamo decisioni calcolate e lavoriamo anche a mano. Costruiamo modelli per studiare i dettagli; usiamo schizzi a mano libera per aiutarci a ragionare e sviluppare idee; usiamo mood board di campioni di materiali reali, che è semplicemente insostituibile. Le discussioni di gruppo durante quelli che chiamiamo "project workshops", ci permettono di riunirci e di presentare idee attorno a un tavolo e questo ha costituito l'essenza del processo di progettazione di ATOMAA.

Doppio ufficio
Ci siamo appena trasferiti in un nuovo spazio di lavoro a Milano in una zona chiamata Nolo, uno dei nuovi distretti del design della città. Il nostro ufficio, situato al piano terra, ha due vetrine sulla strada che ci mettono in contatto con il mondo che passa, mentre il retro dell'ufficio si apre su una corte interna, un'oasi urbana silenziosa e rigogliosa che fiorisce in primavera. Al piano terra abbiamo un open space operativo con due tavoli di lavoro collettivi, un tavolino per revisioni progettuali in mobilità e una zona relax. Al piano inferiore, sotto un bellissimo soffitto a volta in mattoni, abbiamo sia una stanza più riservata adatta per i momenti piuttosto meditativi che per gli incontri quotidiani con il nostro ufficio di Edimburgo. Abbiamo anche un laboratorio dedicato per la costruzione di modelli e l'elaborazione del campione.

L'atto collettivo del costruire
Certo, anche noi ci siamo laureati con la voglia di fare grandi edifici (le nostre 3 tesi erano una biblioteca, un museo e un grattacielo). Attualmente stiamo lavorando su architetture domestiche, spazi interni e piccole case. Lavoriamo quasi sempre in contesti preesistenti e palazzi antichi nel centro di Milano, così come in contesti rurali delle Alpi, o del centro Italia. Nel tempo sono emersi aspetti comuni nel nostro processo creativo: uno di questi, forse il principale, è l'avversione alla 'tabula rasa'. Crediamo nell'importanza degli edifici, piuttosto che progettare un grande concorso solo come studio di idee. Crediamo nell'imparare mentre facendo, nel rispetto delle persone impegnate nel grande processo collettivo di costruire e nel valorizzare ulteriormente i materiali con cui costruiamo.

Capire il nostro posto
Il design non è uno scopo ma piuttosto un mezzo che ha come fine la ricerca della felicità. In un momento in cui questo diritto è accettato ed espresso da sempre più persone, è inevitabile una presa di posizione sull'uso di questo dono (materiale e umano). Ecco la nostra: abbiamo capito che la risposta può non venire necessariamente da "invenzione" (ad esempio l'ultimo materiale sintetico, pensato per una super performance) ma piuttosto da reinterpretazione, riuso e trasformazione. L'idea alla base di questa modalità operativa è quella di ridurre lo "spreco" (che spesso ha a che fare con l'attribuzione del valore che diamo le cose).

Pertanto, la nostra ricerca sul microabitare ha al centro la riduzione dello spazio sprecato, ed è meglio utilizzarlo dove è già stato trasformato, ovvero il centro della città in cui si trova. Il passato infonde in noi un fascino pari a quello del futuro: è in fondo uno scrigno di soluzioni geniali a domande molto pratiche una volta poste, in un mondo in cui produrre (e consumare) energia era meno facile.

Per più contenuti
Vedere la pubblicazione: Link

Brera Appartamento nel libro di Never Too Small

Posted by

"Il team di ATOMAA è stato ispirato dall'ingegnosità del design giapponese e dalla moderna architettura europea."

"Il quartiere Brera di Milano è sorprendentemente tranquillo data la sua posizione centrale e la vicinanza a numerosi luoghi di pellegrinaggio cristiani. In effetti, il quartiere medievale è stato progettato, allestito e costruito ben prima che la prima automobile fosse un luccichio negli occhi di Karl Benz. Così, mentre Brera è circondato da una serie circolare di viali, i suoi abitanti beneficiano di una netta mancanza di traffico pesante."

In alcune parti del quartiere, le strade strette lasciano il posto ad ampie piazze dove i pedoni curiosano tra le boutique di moda o possono essere visti godersi la robusta scena dei ristoranti all'aperto. Questa parte alla moda di Milano è dominata dalla vita in appartamento e entrare in una varietà di case significherebbe vedere un arazzo del quartiere nel corso dei secoli.

Mentre molti edifici qui hanno centinaia di anni, la maggior parte è stata costruita durante il 1800 e ha subito numerosi lavori di ristrutturazione nel corso degli anni. Tuttavia, nessuno meglio dell'appartamento di Brera dello studio di architettura milanese ATOMAA riflette una visione moderna per una vita sostenibile a ingombro ridotto.
Situato in un edificio del 18° secolo, questo appartamento non potrebbe essere più diverso dal suo esterno. Il muro che divide la camera da letto esistente e il soggiorno è stato l'unico cambiamento significativo apportato da ATOMAA durante la creazione dello spazio di cui aveva bisogno per eseguire un progetto "ispirato agli origami". Lo spazio aperto gli ha dato la flessibilità necessaria per creare una serie di pannelli scorrevoli in legno che possono essere riorganizzati per soddisfare le esigenze dei residenti. Con soli 32 mq (344 piedi quadrati), non c'era molto spazio su cui lavorare. Tuttavia, questa configurazione intelligente ha creato una separazione tra la camera da letto, la zona pranzo, la cucina e il soggiorno."

"Normalmente in una casa di queste dimensioni, lo spazio di storage è la prima cosa da eliminare. Semplicemente non c'è abbastanza spazio. Questo rende la creatività del design di Brera molto più intrigante. Lo spazio per lo storage qui è abbondante. Dalla piattaforma letto rialzata, che si apre per rivelare un ampio armadio sotto il letto, ai numerosi mobili da cucina (un must per una casa italiana), ogni spazio viene utilizzato. C'è anche una scala nascosta che scorre verso l'esterno per rendere un po' più facile il viaggio di 1,4 m (4,6 piedi) verso il letto rialzato.
Sono i piccoli dettagli come i fori circolari tagliati in tutti i mobili al posto delle maniglie che rendono Brera davvero speciale.
Gli stessi fori onnipresenti sono tagliati nel legno dei pannelli scorrevoli che nascondono la zona notte durante il giorno."

"Quando i pannelli sono completamente chiusi, lasciano entrare nella stanza un'infarinatura di luce naturale.

La nozione di flessibilità è una caratteristica distintiva di questo design. Brera cambia forma frequentemente nel corso della giornata. Un ospite che si presenta al mattino, al pomeriggio o alla sera vedrebbe ogni volta una configurazione diversa. Un residente di uno spazio di piccole dimensioni non ha il lusso di spostarsi in varie stanze per svolgere le proprie attività giornaliere. Invece, devono trasformare il loro spazio per adattarsi al loro stile di vita."

Per più contenuti
Visualizza il progetto: Link

Video di Never Too Small: Link

Comprare il libro: Link

Casa per un fisico dell’antimateria in À vivre

Posted by

Il progetto di “una casa per un fisico dell’antimateria” raduna molti dei temi a noi cari: la sfida allo spazio, intesa come ricerca delle sue massime potenzialità,ma anche il rapporto con l’esistente. Il tutto condito dalla passione per il fatto a mano (sono tanti i manufatti in cemento e legno in questo progetto) ed una certa inclinazione alla giocosità e sorpresa.

"vediamo sempre il progetto come l’occasione di aggiungere elementi ad un testo esistente, non di riscriverlo."

Qual era la richiesta dalla cliente?

In una parola, il rinnovamento. E per la prima volta, ben oltre i desideri di novità con i quali spesso si presentano i clienti, questo rinnovamento era mosso da un sentimento profondo: il riscatto su una infanzia non felice vissuta fra quelle stesse mura. Ed essendo il cliente una persona abituata al pensiero laterale (è un fisico dell’antimateria), i desideri di spazialità e comfort sono stati una moltitudine: una grande vasca idromassaggio per due, una alcova con bagno privato e spogliatoio, un secondo bagno con doccia, uno studio con letto per ospiti, una cucina comoda, un living con focolare (!), uno spazio lettura ed un genkan dove lasciare le scarpe appena entrati in casa.

Come hai immaginato di trattare la stanza e il letto?

Quando pensiamo alla camera da letto ci piace riferirci alla spazialità intima e protettiva dell’alcova: uno spazio minimo e quadrato dove rifugiarsi dagli stimoli del mondo esterno. Ma allo stesso tempo proviamo anche a riferirci al mondo confortevole di certe suite d’albergo, per poter sognare di essere in vacanza anche quando non lo si è. Per questo cerchiamo sempre di proporre una relazione speciale con la sala da bagno privata, luogo della cura del se, e la comodità di una cabina armadio spaziosa, magari con una seduta.

In questo caso un oggetto di arredo semplice, lungo quanto lo spazio della stanza, somma diversi dispositivi spaziali in un unico volume in betulla: i 3 gradini che portano alla sala da bagno, una capiente cassapanca, una comoda seduta e uno stand in ferro bianco per la parte a giorno della cabina armadio passante. Un pannello scorrevole, dello stesso materiale, fluttua su questo volume come un velo e nasconde dietro se la spazialità di una spa privata in mosaico verde.

Un grande oblò in cemento gioca con le convezioni di intimità e pudore mettendo in comunicazione la vasca con la camera da letto. I toni del bianco della resina a pavimento e degli stucchi, il colore caldo della betulla e la schiettezza dei manufatti in cemento formano lo sfondo, calmo e luminoso, del luogo del riposo.

Cosa significa per te il tema "riposo"?































"The Bedroom"
Vincent van Gogh, Arles, ottobre 1888,

Il riposo è molto più che dormire. Come molti bisogni umani, si estende al di là della necessità biologica. Al punto che il pensiero che siano molte le azioni che intraprendiamo per riposarci non ci stupisce. Il riposo non è inattività. Ed è per questo che ha bisogno di una spazialità che gli corrisponda. Il luogo del riposo è dunque anche lo spazio in cui leggere poesie, lo spazio dello yoga appena svegli, lo spazio della meditazione.

Tutti luoghi o funzioni che sembrano trascurati nelle descrizioni delle offerte abitative. In questo senso il tema del riposo è sovrapponibile a quello a noi più caro, il comfort, inteso come momento di risarcimento o pausa dal tumulto della vita eccitante, produttiva e pubblica.

“Sogni d’oro” noi diciamo: che siano ad occhi chiusi o a occhi aperti.





























"Noon: Rest from Work" (after Jean-François Millet),
Vincent Van Gogh, 1890

Per più contenuti
Visualizza il progetto: Link
Vedere la pubblicazione: Link

Una Casa per Lettori in Lifestyles Today

Posted by

In alto sopra le cime degli alberi di una delle strade più belle di Milano, il sole riempie di luce un appartamento, dove funzionalità ed estetica competono per il trono. La casa, progettata e realizzata nell'autunno del 2019, racconta la storia di chi la abita: una giovane coppia con la passione per la lettura, il cinema, il design e la musica.

L'atto di apertura continua in tutta la casa attraverso una serie di grandi porte a portale. Quest'ultimo, invece, completamente integrato in una lunga libreria, si nasconde. pannelli di un giallo intenso, che forniscono una divisione definita tra svago e spazi privati.

Il progetto, pur non stravolgendo la disposizione originaria della casa, regala ai nuovi proprietari spazi flessibili, luminosità, ampi campi visivi e un susseguirsi di ambienti diversi e sempre in comunicazione tra loro.

Per più contenuti
Visualizza il progetto: Link
Vedere la pubblicazione: Link

Casa Cinsc in enki Magazine

Posted by

Storie dalle piste

"Le rovine di pietra sono state ricostruite a mano per creare la migliore base sciistica per una giovane famiglia."

"C'è qualcosa che sembra assolutamente romantico in questa dimora, tanto che le sue facciate in mattoni imperfette sembrano strappate dalle pagine delle nostre fiabe preferite. Sebbene il fascino fiabesco del rifugio sia accresciuto dal paesaggio montuoso sbalorditivo, i suoi inizi sono in realtà più umili.

Sepolto all'interno di una delle poche valli italiane ancora colpite dall'ondata del turismo di massa che investe le Alpi, lo scheletro di un vecchio magazzino agricolo ha regalato a una giovane famiglia una base per la stagione sciistica. Grazie alla vicinanza delle piste e ai panorami indisturbati, la sua posizione non sarebbe potuta essere migliore."

"Tuttavia, la trama non era affatto priva di sfide: dalla struttura esistente troppo piccola, ai muri a secco non conformi alle normative. Prontamente ATOMAA ha risolto il problema creando un piano che ha inizio con il meticoloso smantellamento e ricostruzione delle storiche costruzioni in mattoni per ricreare la forma originaria prima di riconfigurare la planimetria.

Rivestito con un caldo strato di betulla per contrastare il suo guscio robusto, l'interno in tono nero beneficia anche di un'orchestrazione di finestre che, sebbene possano essere atipiche rispetto alle tradizionali strutture alpine, consentono alla luce di infiltrarsi in profondità negli spazi. Trovare l'equilibrio tra rendere omaggio al vernacolo locale e soddisfare le esigenze di un cliente moderno sembrava quasi impossibile, ma la cura e l'occhio sensibile di ATOMAA furono la combinazione giusta per questo lavoro."

Testo: enki Magazine

Progetto: link

ATOMAA con Marcello Ascani

Posted by

L' appartamento nel quartiere di Brera nasce da un investimento privato in una zona storica piacevole e tranquilla del centro della città. L'appartamento si trova in un palazzo di inizio secolo, in una casa a ringhiera aperta piuttosto densa, una tipologia di edificio oggi estremamente difficile da realizzare visti i regolamenti e le norme edilizie; tuttavia tipica dell'architettura residenziale milanese.

Questo edificio, che un tempo era considerato un normale edificio residenziale per la classe operaia oggi si trova in uno dei quartieri più eleganti e alla moda di Milano definendone l'identità.

Entrando, l'appartamento ti coinvolge e ti rende partecipe del suo gioco.
Non è stato necessario ribaltare l'appartamento per due ragioni: il budget e la sua configurazione spaziale funzionale in partenza.

Era importante costruire qualcosa che avesse un carattere molto semplice. Da qui l'idea di ridurre i materiali al minimo indispensabile in modo che ogni cosa trovasse la giusta collocazione.

L' obiettivo era di ottimizzare tutto lo spazio e di sfruttare ogni centimetro per lo storage.

Una delle parti più importanti dell'appartamento è il letto. Esso è rialzato in modo tale da accogliere al di sotto una cabina armadio.

Progetto: Link

La casa in continua trasformazione è riproposta anche in un altro edificio storico degli anni '30, che conserva uno stile Art Nouveau.

L'obiettivo di questo progetto era quello di avere una casa flessibile che potesse essere divisa in stanze o accogliere un grande open space.

Gli spazi sono definiti da una serie di tende e pannelli scorrevoli che consentono di aprire o chiudere gli spazi a seconda dell'ora del giorno e delle funzioni da svolgere. Dare la possibilità ai clienti di trasformare la loro abitazione è per noi una piccola vittoria.

È diventato fondamentale che i principali servizi dell'appartamento - ingresso, lavanderia, bagno e guardaroba - siano situati nelle parti più buie dell'appartamento, garantendo agli spazi più aperti - soggiorno, cucina/sala da pranzo e camera da letto - di beneficiare al massimo della luce naturale che l'appartamento può offrire. Quest' ultimi spazi sono separati da pannelli mobili o tende, in modo da controllare la luce e garantire l'organizzazione degli spazi.

Progetto: Link